giovedì 31 dicembre 2015

...e così siamo arrivati al 31 dicembre...

Ciao a tutti amici!

E così, nel bene e nel male, anche questo 2015 ci saluta. Si porta via cose belle e cose brutte, ricordi felici e altri che si preferirebbe buttare nel dimenticatoio. 

Nel mio piccolo, devo dire che quest'anno è stato abbastanza buono con me. I ricordi belli sono più di quelli brutti, i traguardi raggiunti sono pochi ma ci sono, mi sento molto più realizzata ora, sotto molti punti di vista, di come mi sentissi un anno fa. 

Certo, si spera sempre che le cose migliorino, ma se il 2016 in arrivo dovesse riproporsi uguale al suo predecessore, beh, non mi potrei davvero lamentare.

Ringrazio tutti quelli che hanno contribuito a rendere il mio 2015 degno di essere ricordato. I miei figli e mio marito, il mio papi e la mia mami, i miei parenti e i miei amici (e ho davvero degli amici spettacolari, sono fortunata!); e ovviamente voi, che mi fate compagnia leggendo i miei sproloqui su queste pagine.

A tutti vadano i miei più sinceri auguri affinché il 2016 vi porti una quantità di gioia tale da non sapere più dove stiparla! :)

Buon anno!

giovedì 24 dicembre 2015

Christmas Songs #15

Ed eccoci finalmente!

Stanotte Babbo Natale partirà con la sua slitta, insieme a Rudolph, Comet, Dancer, Dasher, Prancer, Vixen, Donner, Blitzen e Cupid, e le campanelle della slitta tintinneranno allegre, e anche se le previsioni ci sono contrarie sogneremo tutti un bianco Natale, mentre dormiamo in attesa di scoprire quello che il vecchietto panciuto di rosso vestito avrà deciso di lasciare sotto il nostro albero... 

La Vigilia di Natale... che bella, per certi versi la preferisco persino al Natale vero e proprio (non aveva tutti i torti Messer Leopardi, quando decantava il "sabato del villaggio"...): c'è un bel senso di aspettativa, di emozione... oggi poi mi aspetta una meravigliosa attività: con i miei cuccioli prepareremo i biscotti di pan di zenzero da lasciare a Babbo Natale (con un paio di carote per le renne, ovviamente!). Una vigilia casalinga, bella e coinvolgente, come piace a me.

Per salutarvi, e augurarvi uno splendido Natale, ho scelto di chiudere questa carrellata di canti natalizi con quello che forse è in assoluto il mio preferito. Risale alla Francia del 1847, anche se la versione inglese è decisamente più conosciuta dell'originale "Cantique de Noël":

mercoledì 23 dicembre 2015

Christmas Songs #14

Ciao a tutti amici!

Ormai ci siamo... oggi è il 23, antivigilia di Natale! Ancora poche ore per finire di acquistare tutti i regali e organizzare al meglio questo lungo fine settimana che ci attende. 

Comunque sia, siamo arrivati al penultimo appuntamento con questo countdown musicale. Come vi avevo promesso nel post di ieri, oggi vorrei chiacchierare di una canzone decisamente moderna, ma che a me piace davvero molto e che veicola un bel messaggio, più che adatto a rinvigorire lo spirito natalizio.

Il brano, del 1971, è stato scritto da un signore tutt'altro che sconosciuto...

martedì 22 dicembre 2015

Christmas Songs #13

Ciao amici!

Eccoci a un nuovo appuntamento. Solo tre canzoni ci separano dall'atteso 25 dicembre.

Quale "ascoltiamo con gli occhi" oggi?

Beh, visto che entrambi i lati del Natale, il sacro e il profano, la nascita di Gesù e l'arrivo di Babbo Natale, tutti e due portano gioia... perché non sceglierne una che la parola "gioia" ce l'ha direttamente nel titolo?

E quindi oggi "cantiamo":

lunedì 21 dicembre 2015

Christmas Songs #12

Buon inizio settimana amici lettori!

Il nostro piccolo viaggio nelle canzoni natalizie ci porta oggi in terra germanica, per uno dei canti più famosi a livello mondiale.

In realtà, questo brano è diventato parte della grande famiglia di canti natalizi solo in un secondo momento; le sue origini si rifanno infatti a un canto popolare che, semplicemente, voleva celebrare l'abete e il suo essere sempreverde (e fedele, come sottolinea la parola "treu" nel testo: sembra infatti che l'abete, con il suo essere verde in ogni momento dell'anno, fosse una metafora in contrapposizione a un amore che tanto fedele non era stato...).
Negli anni, il testo ha subito piccole modifiche che lo hanno reso a tutti gli effetti un canto di Natale tra i più conosciuti.

domenica 20 dicembre 2015

Christmas Songs #11

Buona domenica amici lettori!

Meno di una settimana ci separa dalla festa più attesa dell'anno. Quindi, che ne dite di festeggiare con un po' di allegria? Un'allegria che non solo vuole augurare un buon Natale, ma anche un felice anno nuovo. 

Il brano di oggi è piuttosto vecchio, ma sempre attuale soprattutto per la sua vivacità. Lo cantano grandi e piccini, soprattutto i piccini; anche il mio cucciolo di quattro anni, con il suo inglese maccheronico, in questi giorni ripete il ritornello all'infinito, saltellando di qua e di là; ritornello che fa...

sabato 19 dicembre 2015

Christmas Songs #10

Ciao a tutti amici lettori!

Oggi, per la nostra tappa del tour fra i vari canti natalizi, scomodiamo persino la lingua latina. In latino, infatti, è stata scritta la prima versione di un canto che è in effetti più facile sentire in chiesa, magari durante la messa di mezzanotte, piuttosto che attraverso gli altoparlanti di un centro commerciale o come colonna sonora di film o cartoni animati.


Sto parlando di Adeste Fideles:

venerdì 18 dicembre 2015

Christmas Songs #9

Ciao amici lettori!

Il nostro appuntamento quotidiano con la musica natalizia ci porta oggi in Austria, per conoscere l'origine di una delle canzoni più famose della tradizione. L'autore del testo è il reverendo Joseph Mohr, mentre la musica è stata composta da Franz Xaver Gruber. Il brano è stato eseguito in pubblico per la prima volta la vigilia di Natale del 1818, nella chiesa di San Nicola di Oberndorf, vicino a Salisburgo.
Il testo descrive l'immagine dolce e silenziosa della "santissima coppia" che veglia il piccolo Gesù Bambino nella capanna di Betlemme.

giovedì 17 dicembre 2015

Christmas Songs #8

Ciao amici lettori!

Il countdown si fa sempre più serrato, ormai mancano solo otto giorni alla festa più attesa dell'anno.

Le previsioni per le festività al momento sono abbastanza buone, uno dei siti che abitualmente frequento per controllare che tempo farà ieri titolava: "Almeno 15 giorni di alta pressione, senza neve".

Però, si sa, il Natale con la neve avrebbe una magia tutta particolare. C'è qualcuno che addirittura "sogna un bianco Natale"...

mercoledì 16 dicembre 2015

Christmas Songs #7

Ciao amici lettori!

Nelle prime puntate di questo "countdown musicale" che ci accompagna al 25 dicembre ci siamo soffermati più che altro su canzoni provenienti dalla tradizione anglosassone.

Oggi, anche un po' in onore dell'inizio della Santa Novena, torniamo in Italia e parliamo di un canto natalizio tipico nel Bel Paese, uno dei più famosi in assoluto. 
Fu composto nel 1754 a Nola (Napoli) da Sant'Alfonso Maria de' Liguori (che si trovava in quella località, a quanto sembra, proprio per predicare durante la Novena). 

martedì 15 dicembre 2015

Christmas Songs #6

Ciao a tutti amici lettori!

La tappa natalizia di oggi ci avvicina all'evento clou delle feste: l'arrivo del nostro caro e amato Babbo Natale

Creata nel 1932 (da Haven Gillespie e J. Fred Coops) e cantata per la prima volta due anni dopo, nel 1934, è un piccolo aiuto per mamme e papà alle prese con i loro cuccioli, dato che incita questi ultimi a "non piangere" a "non fare il broncio"! 

Stiamo parlando di...

lunedì 14 dicembre 2015

KINGvsKING - 9 puntata

Buon lunedì a tutti!

La scorsa puntata di KINGvsKING, che vedeva scontrarsi il fantasy Gli Occhi del Drago e il classico Misery, ha visto un risultato di perfetta parità.

Oggi abbiamo un altro confronto tra due romanzi dalle trame completamente diverse.
Da un lato, una passeggiata nei boschi rivela la presenza di un'astronave aliena sepolta sotto terra; dall'altro, quello che dovrebbe essere un semplice pseudonimo si rivela molto più reale (e pericoloso) del previsto. 

Stiamo parlando di...

The Tommyknockers (Le Creature del Buio) vs La Metà Oscura 

Fantascienza da un lato, horror paranormale e psicologico dall'altro. Chi vincerà? Quale romanzo vi ha spaventato, incuriosito, intrigato di più?

Potete votare a questo link e lasciare qui sotto le vostre impressioni.

See you soon!

#######
Aggiornamento del 21 dicembre:

And the winner is... La Metà Oscura!

KINGvsKING va in vacanza, e tornerà dopo le festività natalizie. Nel frattempo, lunghi giorni e piacevoli notti a tutti, e soprattutto BUON NATALE!

Christmas Songs #5

Buon inizio settimana amici lettori!

Da una canzone, quella di ieri, che affonda le sue radici nei secoli passati, a una decisamente più recente. La preferita dei miei pargoli, quella che mi fanno mettere su e ripetere e ripetere e ripetere quasi all'infinito, mentre ballano e cantano e si divertono. 
Il brano ha avuto particolare risonanza dal 1992, quando è entrato a far parte della colonna sonora di Mamma ho Riperso l'Aereo, ma ha comunque conosciuto il successo fin dalla sua prima uscita, nel 1957, per mano del cantante statunitense Bobby Helms.

Sto parlando della ritmatissima Jingle Bell Rock:

domenica 13 dicembre 2015

Christmas Songs #4

Buona domenica amici lettori!

Dato che mancano 12 giorni a Natale, proprio oggi vi propongo una canzone che è un classico delle feste natalizie, almeno in area anglosassone: The Twelve Days of Christmas.
È un brano particolare, un po' ripetitivo in effetti ma peculiare.

Non si conosce esattamente l'anno di nascita di questo brano, che in realtà è la trasposizione di una filastrocca infantile, solo che la musica risale all'incirca al Sedicesimo secolo, il testo alla fine del Settecento.

sabato 12 dicembre 2015

Christmas Songs #3

Buon sabato a tutti e bentornati!

Procediamo il nostro percorso alla scoperta delle canzoni natalizie più amate e famose. Al contrario di ieri, in cui l'allegria la faceva da padrone con corse sulla slitta e campanelle festose, la canzone di oggi è, sì, molto bella, ma anche malinconica... 

Parlo di Have Yourself a Merry Little Christmas. La conoscete?

venerdì 11 dicembre 2015

Christmas Songs #2

Ciao amici lettori!

Eccoci al secondo appuntamento con le canzoni natalizie.

Oggi vorrei affrontare il classico dei classici, LA canzone natalizia per eccellenza, quella allegra sinfonia di campanelli che è impossibile non sentire almeno una volta durante le festività, cantata in miriadi di versioni diverse da miriadi di cantanti nel corso degli anni e che risponde al nome di Jingle Bells!

giovedì 10 dicembre 2015

Christmas Songs #1

Ciao amici lettori!

Oggi è il 10 dicembre, Natale si avvicina sempre più... che bello! 
Ebbene sì, il Natale è una festa che ho sempre adorato. Si può dire che lo aspetto tutto l'anno con la stessa trepidazione dei più piccini. Il giorno dell'Immacolata a casa nostra sono apparsi presepe e albero, e da allora in auto ho inserito il cd con tutte le mie canzoni natalizie preferite, in modo da ascoltarle tutti i giorni mentre porto i bimbi a scuola.

Ed è proprio di  canzoni natalizie ♫ che vorrei chiacchierare nei prossimi giorni. 

lunedì 7 dicembre 2015

KINGvsKING - 8 puntata

Ciao a tutti!
Domani giornata di presepi e alberi di Natale, siamo già in preparazione di casette, muschio e palline colorate. Ma per oggi, ritorniamo nel regno del Re per la sfida di oggi, che vede scontrarsi due opere che non potrebbero essere più diverse ma che, stando alla leggenda, sono molto più connesse di quanto sembri.

La prima (del 1987) è un fantasy. Si trovano qui alcuni dettagli riconducibili ad altre opere decisamente più conosciute, come la saga della Torre Nera (in primo luogo la figura di Flagg, presente anche in L'Ombra dello Scorpione). 
Scritto principalmente per la sua figlioletta Naomi, non presenta ovviamente scene paurose, creature terrificanti o altro che avrebbe potuto spaventare la piccina. Per questo, nonostante esso sia a mio avviso un bellissimo romanzo, molti fan dell'epoca si sono lamentati proprio per la mancanza di dettagli "horror". 
Sembra che, come conseguenza di questo episodio in cui si è visto "ingabbiato" nella figura di scrittore horror, King abbia ideato (sempre nel 1987) un romanzo il cui protagonista principale, uno scrittore che decide di chiudere con la saga che lo ha reso celebre, viene tenuto prigioniero dalla sua "fan numero uno"; la quale cerca di convincerlo, con le buone o (soprattutto) con le cattive, a cambiare idea. La trama di questo secondo romanzo vi suona famigliare, vero? E certo, perché stiamo proprio parlando di...


Gli Occhi del Drago vs Misery

Quindi, via alle votazioni! Quale vi piace di più? Potete votare qui o direttamente sul blog.
Aspetto i vostri commenti :) 
See you soon!

#######
Aggiornamento del 14 dicembre: e parità sia! Il sondaggio non ha decretato alcun vincitore, i due libri hanno ricevuto lo stesso numero di voti. Beh, a me fa piacere, sono entrambe ottime opere! Alla prossima!

lunedì 30 novembre 2015

KINGvsKING - 7 puntata

Buona settimana a tutti!

Oggi è lunedì, e si riparte con una nuova settimana e una nuova puntata del KINGvsKING.

Oggi, però, è una puntata un po' particolare. Si sfidano infatti due vere pietre miliari della bibliografia kinghiana, due opere che ho personalmente amato come poche altre.

La prima, del 1984 e scritta a quattro mani con Peter Straub (autore di Ghost Story), è IL romanzo di formazione di King. Il giovane Jack Sawyer, per tentare di salvare la madre malata di cancro, parte per un viaggio alla ricerca di un misterioso Talismano, passando per una dimensione parallela chiamata I Territori. Detta così la trama risulta molto semplicistica; in realtà il viaggio intrapreso da Jack è complesso, pieno di insidie e di misteriosi collegamenti tra la nostra realtà e i Territori. E poi c'è Lupo. Come mi ero affezionata a questo lupo mannaro adolescente, un po' lento ma così adorabile. 

La seconda, del 1986, è IL romanzo per eccellenza, quello di cui tutti, anche quelli che di King non hanno mai letto neppure una sillaba, hanno comunque per lo meno sentito parlare. In una città fittizia di nome Derry un gruppo di ragazzi si trova a combattere una misteriosa quanto pericolosa creatura che si presenta sotto le mentite spoglie di un clown... vi ricorda niente?

Ebbene sì, i titani che si scontrano oggi sono proprio

Il Talismano vs IT
Quale vi piace di più? Potete votare direttamente qui oppure sul blog, a voi la scelta. Sono curiosa di sapere cosa ne pensate.

Buona giornata e... see you soon!

######
Aggiornamento del 7 dicembre:
ebbene sì, Pennywise ha vinto! E ora sotto con la nuova puntata! Ciao!

lunedì 23 novembre 2015

KINGvsKING - 6 puntata

...ed eccoci alla sesta puntata del giochino del lunedì, KINGvsKING

Oggi la sfida è un po' particolare, perché una delle due opere è un po' meno conosciuta; se infatti il primo romanzo, Pet Sematary, è un classico dei classici, Unico Indizio La Luna Piena è un'opera di difficile reperimento in Italia. Quindi non tutti hanno potuto leggerla. Io ho avuto la fortuna di leggerla grazie a un prestito, ma è in effetti l'unico libro che attualmente manca alla mia collezione.

Comunque, nonostante ciò, è un libro che vale la pena leggere, anche e soprattutto per la particolarità della narrazione (nato come calendario, ha mantenuto questa forma nella versione definitiva).

Quindi, si dia il via alle danze, con...

Novità - 1000 e non più 1000

Buongiorno a tutti!

Oggi sono particolarmente felice di scrivervi, perché voglio segnalarvi un'uscita fresca fresca: 1000 e non più 1000, il nuovo ebook raccolta realizzato attraverso la competizione letteraria 666 Passi nel Delirio, indetto dal portale La Tela Nera e curato da Livio Gambarini.



Questo ebook racchiude i racconti selezionati durante la VII Edizione, e sono felice di poter dire che, tra gli altri, troverete anche me! :)

Questo il tema del contest: "scrivere un racconto a tema Numeri e cataclismi di genere horror, thriller o fantastico." E tra le pagine troverete quindi strane formule matematiche, enigmi, profezie... un valore aggiunto alla raccolta è la presenza, come ospite e commentatrice, di Aislinn, autrice della dilogia Urban Fantasy Angelize.

Oh, e dimenticavo una cosa... è totalmente gratis

Quindi, forza! Scaricate, leggete, divertitevi! E poi, ovviamente, ditemi cosa ne pensate.

See you soon!

lunedì 16 novembre 2015

KINGvsKING - 5 puntata

Ciao a tutti!

Bentornati alla consueta rubrica del lunedì, con la "sfida" tra due romanzi di Stephen King. La scorsa puntata ha visto una colossale vittoria di La Zona Morta su L'Incendiaria.  La chiaroveggenza ha avuto la meglio sulla pirocinesi.

E oggi, chi vincerà tra...?

mercoledì 11 novembre 2015

MOVIES - Clown

2014
Regia di Jon Watts.
Gradimento: 4 su 5

Ciao amici!

Ebbene sì, ultimamente, mi è capitato piuttosto spesso di guardare un film horror e restarne delusa. Trame sciocche, finali prevedibili, uso a mio avviso eccessivo dello stile "found footage" che, diciamocelo, i primi tempi andava anche bene (per lo meno c'era l'effetto novità), ma che ora comincia a stancare: le pellicole sembrano tante fotocopie, cambia qualcosa nella trama ma alla fine della fiera sono tante minestre riscaldate.

Per questo motivo, ogni volta che mi accingo a vederne uno, vado giù con i piedi di piombo e seguo la regola dello "spera per il meglio ma aspettati il peggio". Ho iniziato così anche la visione di Clown, ma mi è andata bene: mi aspettavo il peggio, invece ho trovato, se non proprio il meglio, comunque un film che merita.

martedì 10 novembre 2015

Segnalazione - Senza Filtro, Il Piacere del Male

Buona giornata a tutti!
Oggi vorrei segnalare un bel libro di racconti: Senza Filtro, Il Piacere del Male; è in circolazione già da un paio di mesi, ma ci tengo a "metterlo in vetrina" qui, tra le pagine del mio blog, per due motivi fondamentali. Primo, le storie che contiene sono davvero belle, e già questo basta e avanza. Secondo, perché ho il piacere di conoscere entrambi gli autori: Nazareno Marzetti e (soprattutto) una cara amica, Laura Palmoni, quindi sono più che lieta di ospitarli qui. :)


A parte che già la copertina è accattivante, non trovate? 
"Macchine, fantasmi e situazioni di vita quotidiana si alternano in questa serie di racconti in cui tutto può succedere e niente è come sembra. Dodici storie che vanno dalla fantascienza all'horror, senza disdegnare sentimenti e un po' di comicità quando serve, in questo ciclo presentato da due scrittori in erba."

Questa la presentazione ufficiale del libro. Cosa aggiungere?

I racconti in tutto sono dodici. Alcuni li conoscevo già e li apprezzo molto; soprattutto mi sento di consigliare Senza Filtro, di Nazareno, un racconto originale nella trama ma soprattutto nello stile narrativo, e Ali dal Passato, di Laura, uno dei racconti con protagonista il detective "super British" Ben Coven, che personalmente adoro!

Buona lettura!

See you soon!


lunedì 9 novembre 2015

KINGvsKING - 4 PUNTATA

Buongiorno a tutti e buon inizio settimana.

Eccoci alla quarta puntata della rubrica KINGvsKING, in cui due opere del Re si scontrano a colpi di voto. La terza puntata è stata un po' disertata, complice forse il fatto che i romanzi proposti fossero un po' meno conosciuti della media delle opere del Re. 

Quest'oggi, invece, torniamo a titoli molto famosi; da entrambi sono stati tratti film che hanno riscosso un buon successo e che vedevano tra i protagonisti attori famosi: Christopher Walken da una parte e Drew Barrymore dall'altra. 

Sto parlando di...

giovedì 5 novembre 2015

#Unlibroèunlibro

Ciao a tutti!

Riprendo un post che ho appena letto sul blog Barbagiannate e spammo la lieta novella. Ricordate la campagna #unlibroèunlibro? Era nata per sensibilizzare il governo a sostegno della modifica della regolamentazione dell'IVA sui libri; finora, infatti, la tassa applicata ai cartacei è del 4%, mentre quella sugli Ebook del 22%. 
Avevo partecipato anch'io alla campagna (in tutto sembra abbiano partecipato in 40mila), postando il mio "pollice verso" su Instagram.
Ebbene, la battaglia è vinta. A quanto pare, dal 1 gennaio 2016 l'IVA sarà la stessa per entrambi i formati.
Queste le parole del comunicato stampa:

Iva ebook - Polillo (AIE): “L’Italia ha scelto e cambia dal 1 gennaio. Una vittoria per il Paese e per il mondo del libro. Adesso l’obiettivo, insieme al Governo, è far cambiare idea a tutta l’Europa”. “Ora possiamo davvero dire che #unlibroéunlibro: dal 1 gennaio gli ebook in Italia saranno trattati come libri anche ai fini fiscali”. Una “vittoria per il Paese e non solo per il mondo del libro”: queste le parole del presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Marco Polillo in occasione dell’approvazione della legge di stabilità che sancisce definitivamente l’applicazione dell’iva al 4% - e non più al 22% - ai libri digitali, come per i libri di carta. “L’Italia riconosce così ufficialmente che un libro è un libro, al di là del supporto – ha proseguito – In questo modo si aprono scenari nuovi per la lettura in Italia: per questo è una vittoria di tutto il paese. Un successo per chi legge, per chi non lo fa e potrà scegliere la modalità di lettura, una vittoria del buon senso prima di ogni altra cosa”. “Il risultato eccezionale – ha dichiarato il presidente degli editori italiani, ricordando la campagna che ha sostenuto la proposta – è frutto dell’impegno di oltre 40mila pollici in giù, degli autori, dei lettori, degli editori. Una mobilitazione di massa senza precedenti di tutti coloro che amano i libri. Un grazie sentito al Parlamento, al Governo, all’impegno preciso e costante del Ministro Dario Franceschini, alla presidenza del Consiglio dei Ministri, al lavoro congiunto e trasversale di maggioranza e opposizione e soprattutto degli onorevoli Antonio Palmieri e Flavia Piccoli Nardelli”. “L’Italia ha scelto e cambia dal 1 gennaio – ha concluso Polillo –. Adesso l’obiettivo, insieme al Governo, è far cambiare idea agli altri paesi d’Europa”. Per saperne di più della campagna #unlibroèunlibro e per vedere chi ha aderito: unlibroeunlibro.org

E quindi... buone letture, anche digitali!
See you soon!

lunedì 2 novembre 2015

KINGvsKING - 3 puntata

Buon lunedì, amici del blog!

Eccoci alla consueta rubrica del lunedì, KINGvsKING, in cui due romanzi del Re si sfidano a colpi di voto. Siamo oggi alla terza puntata. La seconda, che vedeva Shining "scontrarsi" contro "L'Ombra dello Scorpione", si è conclusa ieri con un risultato di perfetta parità.

Come ho indicato nella prima puntata, seguo un ordine strettamente cronologico; finora, però, ho calcolato solo i romanzi pubblicati con il nome Stephen King. Oggi vorrei soffermarmi sulle prime due opere scritte sotto lo pseudonimo di Richard Bachman (poi, magari già alla prossima puntata, farò una deviazione verso le raccolte di racconti, non so, vedremo come va il flusso!).

Quindi, oggi sul ring troviamo:

Ossessione (1977) vs La Lunga Marcia (1979)
Ps non fate caso, sulle mie edizioni c'è scritto Stephen King, ma sappiamo bene che quelle originali erano sotto pseudonimo.

Come sempre, potete VOTARE A QUESTO LINK oppure nella finestra sul blog in alto a destra.

Aspetto i vostri voti e i vostri commenti :)

See you soon!

####################
Aggiornamento del 9 novembre:

questa coppia di romanzi, ahimè, non ha ricevuto molti voti. Solo uno, piccino piccino, e se lo aggiudica La Lunga Marcia.
Forse questi non sono tra i romanzi più conosciuti dello Zio, ma assicuro che meritano davvero. Se volete provare a leggerli (tra l'altro sono entrambi molto brevi), anche se il sondaggio è chiuso il posto per i commenti c'è sempre, quindi fatevi pure sotto!

Ora è arrivato il momento della quarta puntata, che vede scontrarsi due opere sicuramente più conosciute. Quali sono? Venite a dare un'occhiata! ;) A presto!

sabato 31 ottobre 2015

Happy Halloween!

Amici!

E anche quest'anno, a dare una sferzata di vitalità all'autunno, è arrivata la festa di Halloween! Quindi, via libera a zucche e zucchette, streghe e streghette, zombie e vampiri... e chi più ne ha più ne metta!
Buuuuuuuhhhh!!!!!

Che bella festa, a me piace davvero un sacco. Sarà per quel suo sapore così Made in USA (anche se in realtà è nata in Europa... ma son dettagli), sarà perché è un po' come avere un piccolo Carnevale anticipato (e chi conosce la mia città, sa che a Santhià il Carnevale è qualcosa di sacro), sarà perché semplicemente è divertente... chi lo sa, fatto sta che: yesI like it!


Per festeggiare, quest'anno ho deciso di regalarvi un mio raccontino; non è in tema Halloween, ma un pochino fa paura, quindi ci sta, no? ;) . Si tratta di un racconto piuttosto vecchio, uno dei primissimi che ho scritto. Se vi fa piacere, potete scaricarlo al link qui sotto. Poi, fatemi sapere cosa ne pensate!


Felice Halloween a tutti e...

...see you soon!

lunedì 26 ottobre 2015

KINGvsKING - 2 puntata

Buona settimana a tutti!

Eccoci al secondo appuntamento con la rubrica del lunedì, KINGvsKING. La prima puntata, in cui si erano sfidati i primissimi due libri del Re, Carrie e Le Notti di Salem, ha visto vincere il primo per tre voti a uno. 

Oggi è la volta di due altri mostri sacri della bibliografia kinghiana. 

Nel primo, troviamo un maestoso hotel arroccato tra le montagne del Colorado; e un uomo, padre di famiglia che, seguendo le voci dei fantasmi che popolano le stanze vuote (?) dell'immensa magione, finisce per perdere il senno...

Nel secondo, una devastante epidemia di super influenza debella buona parte della popolazione; i sopravvissuti si schiereranno in due fazioni distinte, pronte a farsi la guerra l'una con l'altra.

Sentite già l'adrenalina scorrere, vero? Comprensibile, visto che oggi si sfidano niente meno che:


Shining (1977) vs L'Ombra dello Scorpione (1978.)

Io so già per chi voterei... e voi?

Coraggio, sono curiosa di sentire le vostre opinioni. Trovate il sondaggio QUI oppure direttamente nel blog, in alto a destra.

A presto e...   see you soon!

#########

Aggiornamento del 2 novembre:
alla fine, questa sfida si è chiusa in totale parità! E direi che, tutto sommato, questo era il risultato migliore possibile. Personalmente tendo un po' di più verso L'Ombra dello Scorpione, ma Shining è un vero pilastro della narrativa, non solo di King ma in generale.

E ora, via alla terza puntata!

venerdì 23 ottobre 2015

Mr.Mercedes

di Stephen King
2014
Gradimento 4,5 su 5

Buona giornata a tutti!

Ed eccoci finalmente a commentare Mr. Mercedes, il primo dei libri della cosiddetta trilogia Hodges

Ma come, direte voi, è uscito l'anno scorso e tu, che ti definisci fan accanita di King, lo hai letto solo ora? 8|
Eh, avete ragione, ma c'è un motivo a tutto ciò.
Qualche anno fa è stato firmato un accordo tra me e la mia dolce metà... visto che temeva potessi trasformare casa nostra in una succursale della Biblioteca del Congresso, abbiamo concordato di acquistare solo più libri in formato digitale. Eccezion fatta, ovviamente, per quelli del Re. Quelli non si toccano! ;) 
Comunque, per ovviare ulteriormente alle difficoltà logistiche date da una eccessiva quantità di cartacei, ho inoltre deciso di limitarmi alle versioni paperback, molto meno romantiche e più tardive (mooooolto più tardive, mannaggia a loro!) delle cartonate, certo; ma, dopotutto, tengono meno posto sullo scaffale, quindi va bene lo stesso! 

Ma insomma, bando alle ciance, vediamo di parlare un po' di questo romanzo.
Mi è piaciuto?

Caspiterina, certo che sì.

lunedì 19 ottobre 2015

KINGvsKING - 1 puntata

Buon giorno, buon inizio settimana... buon qualsiasi cosa vi venga in mente! :-)

Oggi vorrei inaugurare una nuova rubrica. L'idea mi è uscita così, leggendo per caso su Wikipedia l'elenco delle opere del mio scrittore preferito, ovvero (chi mi conosce lo sa bene!) Stephen King. Sto finendo proprio in questi giorni Mr Mercedes (spiegherò anche il ritardo rispetto alla sua uscita con cui l'ho preso tra le mani, in un post successivo... è una lunga storia!) e prudono le dita per la voglia di scrivere su di lui.

Quindi, dato che:

1 King è, come sapete, il mio idolo (okay, ho diversi altri scrittori preferiti, ma lui è sul gradino più alto del podio ormai da così tanti anni che vince già solo per anzianità! ;-) ) 

2 Poche cose sono interessanti e stimolanti come scambiare opinioni su argomenti di interesse comune

ho deciso di creare questa piccola rubrica in cui, di volta in volta, metterò a confronto due opere del Re e chiederò ai suoi fan più accaniti tra voi di indicare, tra le due, qual è la preferita e perché. Ho pensato di andare in ordine strettamente cronologico, quindi gli accoppiamenti non saranno dettati da affinità di genere o argomento, ma solo ed esclusivamente dal caso.

Quindi, per questa prima puntata, partiamo dagli albori... vedremo sfidarsi sul ring:


Carrie (1974)      vs      Le Notti di Salem  (1975)


Da un lato Carrie, giovane studentessa dagli straordinari quanto devastanti poteri psicocinetici; dall'altro Jerusalem's Lot, cittadina del Maine infestata dai vampiri.  Ecco, io qui già avrei dei seri dubbi su quale scegliere...! 

Chi sarà il vincitore?

Per inaugurare questa nuova rubrica ho pensato di fare le cose seriamente, e mi sono pure studiata "come realizzare sondaggi con Blogger"! Quindi, se vi va di partecipare, potete votare direttamente qui (trovate il sondaggio anche nel blog, in alto a destra) lasciando poi un commento qui sotto con la motivazione!

Spero di avere molte risposte, ma soprattutto di riuscire a dare vita a simpatiche discussioni qui sul blog. Partecipate numerosi!

#######

- Aggiornamento del 26 ottobre -
Per 3 voti a 1 the winner is... Carrie!

PS il sondaggio è chiuso, ma c'è sempre tempo e spazio per i vostri commenti! Alla prossima!


venerdì 16 ottobre 2015

Polvere di Stelle

di Katia Pellegrinetti
2010
Gradimento 3,5 su 5


Ciao amici!


Oggi vi propongo una piccola sfida: guardare questa copertina, leggere questo titolo, e non farsi prendere dalla voglia di scoprire le storie che racchiude. Un po' come quella vecchia pubblicità: "tu resistere non puoi, devi devi devi masticar!" ;)

E questa è l'unica battuta che si possa fare, perché una volta aperta la prima pagina si capisce che Polvere di Stelle di Katia Pellegrinetti è una cosa seria.

Se mi chiedete quale sia il tema del romanzo, vi risponderò che ce ne sono diversi: l'amore, la fede, i dubbi, la droga, le relazioni sbagliate, i pregiudizi, la vita. Tanta carne al fuoco, vero?

Ma andiamo con ordine.

venerdì 25 settembre 2015

Changeling

di Anna Grieco e Fiorella Rigoni
2013
Gradimento 4 su 5

Buongiorno amici!

Oggi vorrei parlarvi di un piccolo, grande libro. Piccolo perché si tratta di un romanzo piuttosto breve, grande perché coinvolgente al punto giusto.
Parlo di Changeling, un romanzo scritto da Anna Grieco insieme a Fiorella Rigoni.

Già dal titolo si può evincere a grandi linee l'argomento del libro. Cos'è un changeling? Per chi di voi non lo sapesse, si tratta di una creatura fantastica tipica del folclore europeo (soprattutto nei paesi anglosassoni, ma anche qui in Italia seppur in misura minore) che, nottetempo, prende il posto dei neonati nelle loro culle. Il bimbo umano viene portato via e il changeling cresce al posto suo, allevato dagli ignari genitori.

Anche io, nel mio piccolo, ho trattato l'argomento; nello specifico, nel mio racconto Mia Piccola Chloe, contenuto nella raccolta FATE - Storie di Terra, Fuoco, Acqua e Vento.

Ma torniamo a noi!...

venerdì 11 settembre 2015

Grande Steve!

Buona giornata a tutti!

Oggi è un giorno un po' così, vero? Quattordici anni ci separano da un 11 settembre di paura e tragedia. Classica domanda: voi vi ricordate dov'eravate? Io sì, al telefono con un'amica. E guardavo sconvolta e incredula lo schermo del mio televisore mentre raccontavo a lei (fuori casa quindi impossibilitata a vedere la tv) cosa stava succedendo. Mamma mia... 

Per non parlare del presente, con le truppe russe in Siria contro l'Isis...

Uffa, un'angoscia dopo l'altra, e che diamine...

Ma non sono qui per parlare di questo.  
Sono qui per parlare di qualcosa di bello, di un riconoscimento ufficiale finalmente concesso al mio mito personale... rullo di tamburi e... applausi! Perché...

sabato 5 settembre 2015

*Blogger League*_appuntamento del 5 settembre

Caspita è già passata una settimana! Eccoci con il consueto appuntamento "Blogger League"*


*Reminder: cos'è la Blogger League?Un'iniziativa alla quale può iscriversi chiunque possiede un blog; ogni sabato per tutto il 2015 i membri della League dovranno creare un post nel quale inserire la breve intervista a cui risponderà la blogger di turno, in modo tale da avere tutte la stessa visibilità. E' giusto collaborare tra di noi, per far crescere i nostri blog. 



 Oggi tocca a Il Salotto Dei Libri. Buona lettura e.. see you soon!

giovedì 3 settembre 2015

Halloween's Novels

di AA.VV.
2013
Gradimento 2 su 5

Aggiungi didascalia
Buon pomeriggio a tutti!
Eccomi con la mia ultimissima lettura. Si tratta di Halloween's Novels, un'antologia di racconti a tema (ovviamente) Halloween, firmata dal blog Le Passioni di Brully

"Così mi son detta “Perché non chiedere agli autori se vogliono fare un racconto in tema Halloween?”. Quindi ho pensato di non pubblicare i singoli racconti nel mio blog, ma di unirli e crearne una vera e propria antologia! Il problema con i temi è che non tutti gli autori li amano, perché ognuno ha le sue idee, e per uno scrittore non c’è cosa peggiore di avere dei paletti da seguire, così ho creato un tema/ non tema: Il romanzo potrà essere di qualsiasi genere, e di qualsiasi lunghezza, l’unica regola è che deve essere collocato durante la notte di Halloween. Così facendo, anche chi avesse scritto un romance, un realistico o un erotico avrebbe potuto dire la sua, mostrando a noi lettori le mille sfaccettature che questa notte ci può offrire!"

Questo ci dice Miriam Rizzo, padrona di casa nel blog (un bel blog, tra parentesi) e ideatrice della raccolta, nell'introduzione al libro.
Ci dice inoltre che

martedì 1 settembre 2015

*Blogger League*_Appuntamento del 30 agosto

Buongiorno a tutti! Eccoci arrivati a un'altra tappa della Blogger League*. Oggi è il turno di Gli Scrittori della Porta Accanto



*Reminder: cos'è la Blogger League?Un'iniziativa alla quale può iscriversi chiunque possiede un blog; ogni sabato per tutto il 2015 i membri della League dovranno creare un post nel quale inserire la breve intervista a cui risponderà la blogger di turno, in modo tale da avere tutte la stessa visibilità. E' giusto collaborare tra di noi, per far crescere i nostri blog. 

Buona lettura e... 
...see you soon!

lunedì 24 agosto 2015

Classici da Riscoprire - Ernest Hemingway

Ciao  a tutti!
Caspita, ne è passato di tempo dall'ultima volta... ma ho una validissima giustificazione, lo giuro: finalmente anche io sono riuscita ad andare quindici giorni al mare con la famiglia! Sole, tuffi e giochi nell'acqua salata, passeggiate, zuppe di pesce e gelati. E, ovviamente, la compagnia di un buon libro che, lo sappiamo, non deve mai mancare.

Come ormai consuetudine da  tre anni, la destinazione prescelta è stata Caorle, la bella cittadina balneare vicino a Venezia. Che, come forse non tutti sanno (io, prima di eleggerla a meta delle nostre vacanze, non lo sapevo) è stata a suo tempo fonte di ispirazione per uno dei più grandi scrittori del letteratura nordamericana (e mondiale), Ernest Hemingway.
Una veduta di Caorle... oh, come
si stava bene lì!
E infatti, sbirciando un pomeriggio una brochure sulla laguna caorlina nel corso della villeggiatura mi è venuta voglia di riscoprire questo autore che avevo già apprezzato all'università.  Così,  durante la manciata di giornate uggiose (per fortuna ci sono stati diversi giorni di sole, ma noi, come l'esimio ragionier Fantozzi, la nostra nuvoletta personale ce la portiamo sempre dietro) ho deciso di rispolverare il classico dei classici: Il Vecchio e Il Mare.

martedì 4 agosto 2015

La Guerra del Metallo Freddo

di Ivan Bruno
2015


Bentornati in questo piccolo mondo digitale che io chiamo il mio blog ;)

Oggi vi parlo del secondo lavoro di un mio "amico di penna", inteso come collega scrittore (anzi, lui è uno scrittore, io per ora sono ancora solo una specie di simpatizzante; un giorno magari anche io avrò questo onore, chissà) e non come "persona che scrive regolarmente e reciprocamente ad altre, soprattutto mediante posta tradizionale"... ma ve li ricordate, gli amici di penna? Io ne avevo un paio... era bello sbirciare ogni giorno nella buca delle lettere, sperando di trovarvi una di quelle buste colorate... la carta da lettere rosa o azzurra o con Minnie o con fiori e farfalle (i miei penfriends erano prevalentemente di sesso femminile, come potete immaginare...).
Sembra un'epoca così lontana, un'epoca in cui diavolerie come le email, Facebook o Whatsapp sembravano pura fantascienza.


E fantascienza, in questo caso, è la parola chiave: a questo filone letterario appartiene infatti il libro di cui vorrei parlarvi oggi.

domenica 2 agosto 2015

"Perché non l'ho letto prima?" - Se Questo è un Uomo

di Primo Levi
1947
Gradimento: 4,5 su 5

Ciao a tutti!

Eh sì. Lo ammetto, ho letto  "Se Questo è un Uomo", di Primo Levi, solo poco tempo fa; certo lo conosco da molto, fin dai tempi della scuola; già sapevo la trama a grandi linee e gli eventi che hanno portato Levi a mettere su carta le sue esperienze. Ma non lo avevo mai letto per davvero, dalla prima all'ultima parola. Ed è stato uno di quei casi in cui mi sono chiesta "Ma per Diana, perché non l'ho letto prima?"

Ha sempre fatto parte di un gruppo di romanzi che intitolerò "questo lo leggo sicuro", con sottotitolo "prima o poi". Della serie: "No, dai, ora lo leggo... aspetta, me lo metto in elenco, lo leggo, di certo". E alla fine sono dovuta arrivare a 37 anni suonati prima di cimentarmi con questa grande opera.
E posso solo dire: Dio mio...

Io, come tutti, conosco la storia del XX secolo. 
Come tanti, ho letto il diario di Anna Frank, ho visto film come La Vita è Bella o Il Bambino con il Pigiama a Righe o Schindler's List; sappiamo tutti cosa accadeva ad Auschwitz o a Birkenau, cosa significava essere prigionieri in un campo di sterminio: abbiamo visto le foto, guardato i documentari, letto i libri.
Ma questa narrazione in prima persona, che ci racconta ogni minimo dettaglio di cosa volesse dire sopravvivere in campo, fornisce una visione per certi versi diversa e più intima dello squallore e dell'orrore che dimorava in quei luoghi di morte.

"Sappiamo anche, che non sempre questo pur tenue principio di discriminazione in abili e inabili fu seguito, e che successivamente fu adottato spesso il sistema più semplice di aprire entrambe le portiere dei vagoni, senza avvertimenti né istruzioni ai nuovi arrivati. Entravano in campo quelli che il caso faceva scendere da un lato del convoglio; andavano in gas gli altri.
Così morì Emilia, che aveva tre anni; poiché ai tedeschi appariva palese la necessità storica di mettere a morte i bambini degli ebrei. [...] Scomparvero così, in un istante, a tradimento, le nostre donne, i nostri genitori, i nostri figli. Quasi nessuno ebbe modo di salutarli. Li vedemmo un po’ di tempo come una massa oscura all'altra estremità della banchina, poi non vedemmo più nulla."

"Che sete abbiamo1! Il debole fruscio dell’acqua nei radiatori ci rende feroci: sono quattro giorni che non beviamo. Eppure c’è un rubinetto: sopra un cartello, che dice che è proibito bere perché l’acqua è inquinata."
L'ingresso di Auschwitz

Qui siamo solo all'inizio; Levi è appena giunto in campo e la spietatezza dei nazisti si fa già sentire, anzi, fa stridere le orecchie come unghie su una lavagna.
Ma queste, per atroci che siano, sono scene a cui noi siamo stati abituati dal cinema e dalla letteratura.
Più di impatto, secondo me, sono i resoconti della vita quotidiana degli Häftlinge, i prigionieri. Per esempio:

"Abbiamo imparato che tutto serve; il fil di ferro, per legarsi le scarpe; gli stracci, per ricavarne pezze da piedi; la carta, per imbottirsi (abusivamente) la giacca contro il freddo. Abbiamo imparato che d’altronde tutto può venire rubato, anzi, viene automaticamente rubato non appena l’attenzione si rilassa; e per evitarlo abbiamo dovuto apprendere l’arte di dormire col capo su un fagotto fatto con la giacca, e contenente tutto il nostro avere, dalla gamella alle scarpe."


"Di più, ci sono innumerevoli circostanze, normalmente irrilevanti, che qui diventano problemi. Quando le unghie si allungano, bisogna accorciarle, il che non si può fare altrimenti che coi denti (per le unghie dei piedi basta l’attrito delle scarpe); se si perde un bottone bisogna saperselo riattaccare con un filo di ferro; se si va alla latrina o al lavatoio, bisogna portarsi dietro tutto, sempre e dovunque, e mentre ci si lavano gli occhi, tenere il fagotto degli abiti stretto fra le ginocchia: in qualunque altro modo, esso in quell’attimo verrebbe rubato. Se una scarpa fa male bisogna presentarsi alla sera alla cerimonia del cambio delle scarpe; qui si mette alla prova la perizia dell’individuo, in mezzo alla calca incredibile bisogna saper scegliere con un colpo d’occhio una (non un paio: una) scarpa che si adatti, perché, fatta la scelta, un secondo cambio non è concesso."


"Dopo quindici giorni dall’ingresso, già ho la fame regolamentare, la fame cronica sconosciuta agli uomini liberi, che fa sognare di notte e siede in tutte le membra dei nostri corpi; [...] Spingo vagoni, lavoro di pala, mi fiacco alla pioggia, tremo al vento; già il mio stesso corpo non è più mio"


Questi sono solo alcuni degli innumerevoli esempi; e non sono nemmeno tra i problemi peggiori che gli Häftlinge devono affrontare quotidianamente. Ma sono utili a dare un'idea di quale sia il reale scopo dei campi di concentramento: togliere alle persone la loro umanità. Estirpare ogni brandello di speranza e di dignità, distruggere l'anima mediante la mortificazione del corpo.

Simbolo completo di questa disumanizzazione è il famigerato numero che tutti i prigionieri hanno tatuato sul braccio. Primo Levi non è più Primo Levi: è 174517. Il nome è stato cancellato; la personalità, il carattere, le esperienze, in poche parole la vita di ognuno viene resettata, non esiste più se non nei ricordi sbiaditi di ciascuno; di un altro prigioniero, che lui chiama Null Achtzehn dalle ultime cifre del suo numero di matricola, Levi dice "...come se ognuno si fosse reso conto che solo un uomo è degno di avere un nome, e che Null Achtzehn non è più un uomo. Credo che lui stesso abbia dimenticato il suo nome, certo si comporta come se così fosse."
La tomba di Primo Levi, con il numero
174517 inciso insieme al nome

Questo è lo strazio peggiore. Non le percosse, non la fame costante, non la minaccia sempre presente di morte (che pure alcuni desiderano, pur di sottrarsi al supplizio), bensì l'annientamento totale della persona. Quando i bisogni primari non vengono soddisfatti, quando si deve lottare per un tozzo di pane, quando pur di sopravvivere si deve rubare, o giacere tra i cadaveri o nel lordume più stomachevole, si smette di essere uomini e ci si trasforma in bestie. 
Lo scopo primario del lager è stato raggiunto.
Lo dice lo stesso Levi: "Si immagini ora un uomo a cui, insieme con le persone amate, vengano tolti la sua casa, le sue abitudini, i suoi abiti, tutto infine, letteralmente tutto quanto possiede: sarà un uomo vuoto, ridotto a sofferenza e bisogno, dimentico di dignità e discernimento, poiché accade facilmente, a chi ha perso tutto, di perdere se stesso; tale quindi, che si potrà a cuor leggero decidere della sua vita o morte al di fuori di ogni senso di affinità umana; nel caso più fortunato, in base ad un puro giudizio di utilità. Si comprenderà allora il duplice significato del termine «Campo di annientamento», e sarà chiaro che cosa intendiamo esprimere con questa frase: giacere sul fondo."
Secondo me è qualcosa di agghiacciante, che devasta l'animo al solo pensiero.

Certo questa non è la classica lettura estiva da spiaggia, tutt'altro. E infatti ora voglio dedicarmi a qualcosa di più leggero, perché Se Questo è Un Uomo è sì una grande opera, ma mi ha messo addosso un po' di angoscia...

Speriamo solo che simili incubi non si verifichino più (ok, se voglio continuare a sperare sarà meglio che io non guardi il telegiornale...!)

Alla prossima, buona domenica e...
...see you soon! 










domenica 19 luglio 2015

Hunger Games - Il Canto della Rivolta

di Suzanne Collins
2012
Gradimento 4 su 5

Dopo Hunger Games e La Ragazza di Fuoco, eccoci infine arrivati all'ultimo incontro con Katniss Everdeen. Devo dirlo. Lei e Peeta sono tra quei personaggi che davvero mi dispiace abbandonare. Mi ci ero affezionata, soprattutto a Peeta. Povero, caro ragazzo.

Ma andiamo con ordine.

Quest'ultimo capitolo della saga è un condensato di azione, violenza e morte. In certi momenti della lettura mi tornava in mente il fatto che la serie è definita "per ragazzi" e mi chiedevo "ma quanto più adulti di noi sono i ragazzi di oggi?".
Alcune scene sono a dir poco terrificanti.

Per esempio... 

lunedì 22 giugno 2015

Il Magico Potere del Riordino



di Marie Kondo
2014
Gradimento 3 su 5

Buongiorno a tutti e buon inizio settimana!

Oggi deviamo un po' dal solito: anziché di un libro di narrativa, vorrei chiacchierare un po' a proposito di un manuale. 
Pur essendo io di natura piuttosto disordinata, mi piace che al contrario la casa sia in ordine; mi impegno (ahimè con risultati non sempre eccelsi... ma in fondo l'importante è partecipare) a trovare un posto per ogni cosa e rimettere, ne consegue, ogni cosa al suo posto. Seguo con interesse diversi gruppi su Facebook, come ad esempio Come Organizzare al Meglio i Lavori di Casa o Io Decluttero!, utili e vivaci microcosmi virtuali in cui ci si scambia consigli ed esperienze per rendere meno gravoso l'impegno di rendere la casa a prova di ospiti inattesi. Anche una mia amica d'infanzia, divenuta da tempo una bravissima Life Coach, organizza corsi che insegnano ad alleggerire la propria vita tramite l'ordine e l'eliminazione del superfluo.

Era dunque scontato che prima o poi volessi incontrare anche io questo "best seller internazionale, oltre due milioni di copie vendute" che risponde al nome di Il Magico Potere del Riordino, di Marie Kondo...

mercoledì 17 giugno 2015

Maturandi e disperandi...

Ma buongiorno a tutti, uomini e donne, grandi e piccini, lettori incalliti e lettori della domenica... ma soprattutto buongiorno a tutti i ragazzi che da oggi affrontano il più grande spauracchio di ogni studente italiano: gli esami di maturità.

Io sono laureata, ergo di esami all'università ne ho fatti. 
Ogni volta c'era l'ansia, ogni volta la sera prima mi sembrava di entrare in un'apnea da cui fuoriuscivo solo una volta che il mio libretto color amaranto si ritrovava con un numerino in più nella sezione "Esami Sostenuti".
Ed eccolo qui, il libretto color amaranto,
recuperato qualche giorno fa per puro caso
durante una sessione di "decluttering"
Ma niente, nemmeno il tanto temuto esame di Filologia Germanica (oh che fatica...) mi ha regalato momenti di agitazione pura come la prima prova di maturità...

domenica 31 maggio 2015

Hunger Games: La Ragazza di Fuoco

di Suzanne Collins
2010
Gradimento 4,5 su 5

Ciao a tutti! 
Chiedo scusa, è passata ormai più di una settimana dall'ultimo post. Questo è un periodo piuttosto denso di impegni, che rubano tempo a letture e scrittura. 
Ma bando alle ciance, visto che già sono un po' in ritardo vediamo di non perdere ulteriore tempo.

Oggi vi lascio un mio personale parere sul secondo volume della saga degli Hunger Games

venerdì 22 maggio 2015

Classici da Riscoprire - Harriet Ann Jacobs

Buon pomeriggio e buon venerdì!
Oggi vi vorrei parlare di un libro che ho conosciuto durante gli anni universitari e che ricordo mi aveva molto colpito. Sto parlando di Incidents in the Life of a Slave Girl (Vita di una Ragazza Schiava), pubblicato nel 1861 e scritto da Harriet Ann Jacobs.

Il romanzo è una sorta di diario di memorie della stessa autrice. Molto di quello che viene qui narrato è infatti la trasposizione romanzata di eventi realmente accaduti alla Jacobs che, nata in schiavitù nel Nord Carolina nel 1813, ha vissuto e poi messo su carta le angherie e gli abusi che gli schiavi dovevano subire prima che la Guerra di Secessione ponesse fine a un'istituzione così inumana.

venerdì 15 maggio 2015

Novità + Intervista - Livio Gambarini

Il nuovo romanzo di Livio,
di prossima uscita
Buongiorno a tutti! Vi ricordate che, tempo fa, vi avevo parlato di un romanzo storico ambientato nel Medioevo lombardo, che mi era piaciuto tanto ma proprio tanto? Sì, sto parlando di Le Colpe dei Padri, di Livio Gambarini. 

L'amico Livio ha da poco terminato il suo secondo romanzo, che uscirà all’inizio di giugno e che io ho avuto la grande fortuna di poter leggere in anteprima.
Il titolo del libro è Eternal War: Gli eserciti dei Santi, e come il suo predecessore tratta di eventi storici realmente accaduti e di personaggi italiani realmente esistiti. Ma qui c'è anche qualcosa in più. Alla connotazione storica se ne aggiunge infatti anche una fantasy.

mercoledì 13 maggio 2015

Novità - Skan Magazine n.31-32

Scaricabile in PDF

Ciao a tutti!

Vi segnalo oggi una cosuccia molto interessante: il nuovo numero di Skan Magazine, la "rivista multicanale gratuita di narrativa fantastica liofilizzata istantanea" curata da Jackie de Ripper.

Sono felice di questa uscita anche perché questo numero contiene ben DUE miei racconti (entrambi pubblicati con il nickname willow78)!


Il primo si intitola "Gregory", con cui ho partecipato all'edizione dello scorso marzo dello Skannatoio Cinque e Mezzo.
Il secondo, intitolato "La Prova", mi ha dato particolari gioie perché mi ha permesso di vincere il mio primissimo Skannatoio nell'edizione dello scorso aprile! :) 


Ne sono davvero felice, e spero vogliate festeggiare con me scaricando QUI la rivista. 
Oltre a me (per fortuna, ci fossi solo io sai che noia!) troverete i racconti di altri partecipanti al contest, alcuni dei quali davvero meritevoli, nonché (nella sezione denominata Bright Side) interviste, recensioni, saggi e chi più ne ha più ne metta... 
Se inoltre vorrete darmi un vostro parere su entrambi i miei racconti, ne sarò felice.

Buona lettura e...

...see you soon!