venerdì 20 marzo 2015

Dark Passion / Black Passion

di Anna Grieco, Alexia Bianchini e Fiorella Rigoni
2013/2014
Gradimento 4.5 su 5


Ed eccoci alla fine (?) del viaggio intrapreso insieme alla Cacciatrice Rossa, Cassandra Rowling. 

Vi parlo della seconda e terza parte di Red Passion - La Saga in un unico post, perché i due romanzi (anzi in effetti tre, perché è bene aggiungere all'elenco anche il primo) in realtà possono essere considerati un'unica entità, pur con qualche differenza. Perché il primo volume è molto bello, mentre il secondo un pochino rallenta, sembra quasi che risalga una piccola china con l'obiettivo (perfettamente centrato) di permettere al terzo di prendere velocità. Black Passion infatti, secondo me, è decisamente e fuor di dubbio il migliore dei tre. 

In quest'ultimo capitolo si muovono personaggi nuovi, la Cacciatrice viene messa per certi versi in disparte ma il libro non ne risente. Tanti sono gli avvenimenti che si susseguono e si arriva al finale (e che finale...) senza quasi rendersi conto di aver divorato le pagine.

Ma torniamo a noi... 

Diversamente da come ho fatto QUI per Red Passion-Nemesi, ora darò qualche dettaglio in più su trama e personaggi.



Il numero due, Dark Passion, inizia dove Red si era fermato...

Il fulcro di questo libro è l'esplorazione della natura di Cassandra, in bilico tra le forze del bene e quelle del male. Ha scoperto di essere la figlia dell'arcangelo Michael e della regina degli Inferi, Lilith. Quale sarà il suo destino? Cosa prevarrà in lei, la parte angelica ereditata dal padre o quella vampirica e demoniaca di sua madre? 

Il proseguire della vicenda darà una risposta a questo quesito, portando inoltre con sé ulteriori rivelazioni e conducendoci infine al terzo, roboante capitolo, che si apre con una sempre più furente Lilith intenta a ordire i suoi piani malvagi. Come dicevo, qui la narrazione prende davvero velocità, un treno in corsa che porta a un finale che non mi sarei aspettata ma che apre le porte a un nuovo inizio.


Come per il primo capitolo, anche in questi due altri romanzi la storia è di quelle che catturano, che spingono alla lettura e a scoprire cosa il futuro abbia in serbo per gli eroi che la popolano. I personaggi che la costellano sono vari e tutti interessanti: angeli guerrieri, demoni, vampiri buoni e cattivi, incubi, mutaforma... tutti si muovono agevolmente nel loro ambiente e si comportano coerentemente con la propria personalità e con il ruolo assegnato.


L'unica che qui a volte prende qualche scivolone è proprio la protagonista, Cassandra.

Mentre in Red Passion era un personaggio perfettamente verosimile, con azioni e pensieri pertinenti, qui ogni tanto scivola fuori dai suoi canoni. Per esempio, all'inizio del terzo volume scappa  dalla fortezza angelica per andare a farsi un tatuaggio. Lei è la Cacciatrice Rossa, una tipa di tutto rispetto che personalmente ammiro molto; sa benissimo di essere in pericolo, sa che se venisse catturata da Lilith le sorti del mondo intero sarebbero a rischio, specialmente alla luce di una rivelazione (non vi dirò quale, ma è molto interessante!) saltata fuori alla fine di Dark Passion... perché mai dovrebbe mettere tutto a rischio per farsi tatuare il nome dell'amante sul braccio? Vero, da un lato ci può stare per indicare come, nonostante i suoi particolari natali, sia cresciuta come umana e ne abbia quindi le debolezze; ma mi sembra un po' forzato, il suo comportamento è più tipico di un'adolescente alla prima cotta che di una tipa tosta come lei.

Però questo è solo un piccolo neo (più avanti ritorna la solita Cassandra che abbiamo imparato a conoscere e ad apprezzare) che non inficia assolutamente la qualità del libro né la godibilità della lettura. Consiglio vivamente a chi ancora non l'avesse fatto di entrare nel mondo degli angeli guerrieri e farsene catturare; non ve ne pentirete.


See you soon!



Nessun commento:

Posta un commento