venerdì 25 settembre 2015

Changeling

di Anna Grieco e Fiorella Rigoni
2013
Gradimento 4 su 5

Buongiorno amici!

Oggi vorrei parlarvi di un piccolo, grande libro. Piccolo perché si tratta di un romanzo piuttosto breve, grande perché coinvolgente al punto giusto.
Parlo di Changeling, un romanzo scritto da Anna Grieco insieme a Fiorella Rigoni.

Già dal titolo si può evincere a grandi linee l'argomento del libro. Cos'è un changeling? Per chi di voi non lo sapesse, si tratta di una creatura fantastica tipica del folclore europeo (soprattutto nei paesi anglosassoni, ma anche qui in Italia seppur in misura minore) che, nottetempo, prende il posto dei neonati nelle loro culle. Il bimbo umano viene portato via e il changeling cresce al posto suo, allevato dagli ignari genitori.

Anche io, nel mio piccolo, ho trattato l'argomento; nello specifico, nel mio racconto Mia Piccola Chloe, contenuto nella raccolta FATE - Storie di Terra, Fuoco, Acqua e Vento.

Ma torniamo a noi!...

Come dicevo, il libro non è molto lungo, ma un romanzo non necessita per forza di duemilacinquecento pagine per essere interessante. 

La storia è incentrata principalmente su due ragazzini. Susan Sullivan, dolce e graziosa bimbetta dai biondi capelli e la pelle di porcellana; e Daniel Gallagher, vicino di casa e compagno di scuola di Susan, giovanotto dal carattere difficile che abita con la madre divorziata.
Chi è il changeling? Uno di loro? Un loro amico? A voi scoprirlo!

Quello che posso dirvi è che la storia, che comunque "prende" fin dall'inizio, acquista via via velocità; e che se nelle prime pagine l'orrore resta un po' dietro le quinte, presente ma per certi versi in sordina, da metà in poi spunta fuori come un tetro pupazzo a molla, ed erompe in tutta la sua violenza, fino ad accompagnarci a un finale raccapricciante. Insomma, un bell'horror da gustarsi tutto d'un fiato.

Lo stile mi piace; avendo letto altre opere delle due autrici mi è diventato piacevolmente famigliare. Anna e Fiorella sono brave scrittrici, i loro testi sono chiari e scorrevoli. 
Ho notato un paio di piccoli refusi, ma niente di che: in un punto della storia i nomi di una donna e della sua figlia defunta vengono scambiati: una cosa che è capitata anche a me! Qualche mese fa ho scritto un racconto (ve ne parlerò tra qualche tempo, è un progettino interessante) e, rileggendo, mi sono accorta che, dalla metà in poi, avevo scambiato i nomi dei due protagonisti. Compimenti, vero? Fortuna che ci ho fatto caso! Quindi, cose che capitano ai vivi! 
Per il resto la scrittura è pulita, la storia procede senza intoppi o punti morti; una volta accesa la scintilla della suspense, non viene più spenta, semmai alimentata. I personaggi, primi fra tutti i due protagonisti, sono coerenti e vividi; i dialoghi verosimili e scorrevoli.

In parole povere, se volete farvi spaventare da una bella storia horror, Changeling è secondo me il libro che fa per voi. Sono stata soddisfatta dalla lettura e non posso fare altro che consigliarlo.

Buona lettura e... see you soon!





Nessun commento:

Posta un commento