giovedì 17 dicembre 2015

Christmas Songs #8

Ciao amici lettori!

Il countdown si fa sempre più serrato, ormai mancano solo otto giorni alla festa più attesa dell'anno.

Le previsioni per le festività al momento sono abbastanza buone, uno dei siti che abitualmente frequento per controllare che tempo farà ieri titolava: "Almeno 15 giorni di alta pressione, senza neve".

Però, si sa, il Natale con la neve avrebbe una magia tutta particolare. C'è qualcuno che addirittura "sogna un bianco Natale"...


I'm dreaming of a white Christmas 
Just like the ones I used to know 
Where the treetops glisten, 
and children listen 
To hear sleigh bells in the snow

I'm dreaming of a white Christmas 
With every Christmas card I write 
May your days be merry and bright 
And may all your Christmases be white 

I'm dreaming of a white Christmas 
With every Christmas card I write 
May your days be merry and bright 
And may all your Christmases be white


Stando al Guinness dei Primati, la versione di White Christmas incisa da Bing Crosby sarebbe in assoluto il singolo più venduto di tutti i tempi. Leggendo su Wikipedia, scopro un aneddoto sul suo autore, Irving Berlin. Sembra infatti che questi, dopo averla composta, sia corso dalla sua segretaria dicendole "Prendi la penna e annota questa canzone. Ho appena scritto la miglior canzone che io abbia mai scritto - diamine, ho appena scritto la miglior canzone che chiunque abbia mai scritto!".

Non so se sia effettivamente la miglior canzone mai scritta nella storia della musica, ma se così non è ci va molto vicino. 
Tra l'altro, molto spesso trovo che le versioni in altre lingue delle canzoni (non solo natalizie, ma in generale) siano spesso decisamente peggiori degli originali. Per esempio, trovo che "Din don dan, Din don dan, Din don din don dan, Suona allegro il campanil: È Natale in ogni cuore...", una delle tante versioni italiane di Jingle Bells, non renda particolare giustizia all'originale inglese. Ciò non si può dire, invece (almeno secondo me) per il testo italiano di White Christmas, che resta ugualmente poetico (anzi, forse mi emoziona persino un po' di più):

Quel lieve tuo candor, neve,
discende lieto nel mio cuor.
Nella Notte Santa
il cuore esulta d'amor,
è Natale ancor.
E viene giù dal ciel lento,
un dolce canto ammaliator,
che ti dice "Spera anche tu.
È Natale, non soffrire più.”

Voi che cosa ne pensate?

A domani! 
See you soon!

Nessun commento:

Posta un commento