martedì 15 marzo 2016

Il tempo per leggere

Ciao amici, e buon pomeriggio a tutti!
Oggi niente recensioni, niente rubriche; un post breve, al volo, soltanto per condividere un pensiero.

Come sapete (lo so, sono una noia, l'ho detto talmente tante volte che di sicuro sarete stufi di sentirmelo ripetere, ma mi sento talmente in colpa per questo che mi sento di dover specificare ogni volta!) il tempo a mia disposizione per seguire blog e letture varie si è assottigliato. Nonostante questo, ogni volta che mi è possibile cerco di ritagliarmi uno spazio che mi consenta di perdermi per qualche minuto tra le pagine di un buon libro o tra quelle di questo blog.

Oggi ho avuto modo di discutere un po' riguardo le abitudini di lettura degli adolescenti. Alcuni hanno detto di amare la lettura e di leggere molto. Altri, invece (la maggior parte, ahimè), hanno affermato di non leggere mai nulla. 
Alla domanda "perché?" hanno risposto "perché non ho tempo".

Sul momento non ho approfondito, ma poi, nel corso della giornata, ci ho ripensato. E ripensato.
E mi sono resa conto di quanto fosse triste questa affermazione. 

Davvero, è possibile che ci siamo ridotti, in un'epoca, tra l'altro, in cui l'oggetto libro è fruibile in mille formati diversi (io per esempio ho l'applicazione Kindle sullo smartphone, per avere qualcosa sempre con me), a non avere tempo per leggere?

Sappiamo tutti che la situazione italiana è drammatica. Ne avevo parlato anch'io sul blog, qualche tempo fa. 

L'Italia non legge. O comunque, legge molto meno rispetto a tanti altri Paesi.

Ci siamo forse abituati troppo al visivo, alla facilità con cui fruiamo dei contenuti proposti da TV e internet? Alla passività del mezzo televisivo, in confronto all'attività della lettura? Alla velocità (un'ora e mezza / due, qualcosa in più in caso di film più "impegnativi") rispetto alla lentezza (ma quanto è intrisa di emozioni quella lentezza) che caratterizza la lettura di un libro? 

Forse Video Killed the Radio Book Star?

Non lo so, è solo una mia ipotesi (detta da una che, per altro, adora il cinema e le serie TV tanto quanto la letteratura; non fraintendetemi, non sto demonizzando la televisione, che può donare perle meravigliose).
Voi cosa ne pensate?

Il tempo per leggere davvero non c'è più?

Let me know and... see you soon!


5 commenti:

  1. Ciao Milena, purtroppo anche a me capita spesso di sentir dire "Non ho tempo per leggere" e sai cosa penso? Che il tempo lo si trova per qualsiasi cosa, se la si vuol far davvero, perciò anche per la lettura.
    Forse veniamo troppo spesso distratti dalla TV, dal cellulare e da Internet, ma non riesco proprio a credere che un momento libero nella giornata non lo si trovi - portateveli in bagno i libri, se proprio non avete tempo!
    Io da quando ho imparato a leggere, ogni sera, prima di dormire, mi dedico alla lettura. Lo trovo un ottimo modo per rilassarsi, conciliare il sonno e concludere la giornata con un'attività piacevole ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, e grazie di essere passata!
      Io la penso esattamente come te... anche io prima di dormire ho l'abitudine di leggere, mi aiuta anche a rilassarmi e a dormire meglio, perché mi fa dimenticare gli eventuali problemi affrontati durante la giornata che rischierebbero di farmi prendere sonno con più difficoltà. E ho sempre un libro con me, sullo smartphone. ;)
      Però a quanto pare in tanti non la pensano come noi... ed è un peccato, considerando la ricchezza che possono regalarci i libri...

      Elimina
    2. E' un vero peccato, hai ragione, perché grazie alla lettura si ha modo di tenere in allenamento la creatività e di conoscere un sacco di personaggi a cui, spesso, ci si affeziona.
      Poi i libri sono un ottimo argomento per iniziare un dialogo, magari con qualcuno seduto di fianco a noi che sta leggendo...
      Danno modo di confrontarsi, scambiare opinioni! Il mondo dei libri non lascia solo nessuno, è vastissimo e credo - spero! - non scomparirà mai ^^

      Elimina
  2. La penso esattamente come te! Quando ad un ragazzo/a gli dici per esempio: lo sai che Harry Potter prima di essere film era un libro perché non provi a leggerlo? Ti rispondono: no preferisco vedere il film -.-" perché pensano che leggere sia sinonimo di essere impopolari. E poi si sa che in Italia niente funziona purtroppo:/

    Comunque bel blog iscritta!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie mille di essere passata :) Hai ragione; il problema è che nei film (per belli che siano - mi viene in mente la trilogia del Signore degli Anelli, per esempio, o Harry Potter o alcuni film tratti da libri di King - non tutti, ma molti sono capolavori tipo il Miglio Verde) vengono sempre e comunque fatti tagli o modifiche, e chi non legge i libri da cui essi sono tratti (almeno a mio parere) si perde davvero un mondo che può trovare solo tra le pagine e non su pellicola... ed è un peccato!

      Elimina